Corsico (Mi), 8 giu. (askanews) - Nuova contestazione, senza incidenti, per il leader della Lega Matteo Salvini, bersagliato prima del suo arrivo e durante il comizio a Corsico, alle porte di Milano, da parte di una cinquantina di giovani antifascisti che si sono poi fronteggiati per oltre mezzora con i sostenitori del leader della Lega. "Fuori i fascisti dalla città"; "Siamo tutti clandestini"; "Respingiamo Salvini", gli slogan dei contestatori. "Siete tutti clandestini", "Siete delle m..."; "Ospitate a casa vostra i clandestini", quelli dei sostenitori di Salvini. Tra i due gruppi si è inserito un cordone di celerini per impedire qualsiasi contatto.