Catania (askanews) - "Non sono in grado di dare valutazioni di numero, sulla base dei nostri procedimenti possiamo dire che in Libia c'è una situazione grave, e questo ha modificato le modalità con cui avviene il traffico, e rende più difficile l'intervento di soccorso". Lo ha detto il procuratore capo di Catania, Giovanni Salvi, incontrando i giornalisti inconferenza stampa al tribunale di Catania, parlando dell'ipotesiavanzata stamani dal procuratore aggiunto di Palermo MaurizioScalia, di un numero di migranti pronti a partire dalla Libia che oscilla tra 500mila e un milione.