Milano, (askanews) - "Sono elezioni locali, come ha detto Renzi, pensiamo a Milano, nulla c'entra con il governo. Io ho grande stima del presidente del Consiglio, gli auguro di durare fino al 2018 e di essere rieletto, rimane il fatto che i milanesi riflettano su una cosa: l'Italia è un Paese che fa fatica ad avere una stabilità di governo ma chi sceglie il sindaco di Milano sceglie il sindaco per i prossimi 5 anni, non sbagliamoci su questo". Così Beppe Sala, candidato sindaco di centrosinistra, parlando a margine della firma del protocollo d'intesa "C'è Milano da fare".

"Il mio obiettivo è solo Milano, e nessuno può sognare di

coinvolgermi in progetti futuri nazionali - ha aggiunto poi

parlando poi della partecipazione dell'avversario Stefano Parisi

all'assemblea dei Giovani di Confindustria a Santa Margherita

Ligure - non so se dall'altra parte vale lo stesso, ognuno fa le

sue scelte io non posso accusarlo di essere andato a Santa

Margherita. Sono stato invitato anch'io ma ho rifiutato

educatamente"