Mosca (askanews) - Mosca sotto shock ha sfilato in corteo per ricordare Boris Nemtsov in un clima pesante e senza speranza. Bandiere russe che marciavano in fila, portate da manifestanti con volti scuri. Gonfi di pianto e segnati dallo sgomento. Hanno sfilato sul lungo riva della Moscaova sino al ponte verso la Piazza Rossa, dove meno di 48 ore prima, si è consumagto l'assassinio dell'ex golden boy di Boris Eltsin e politico anti Putin.Doveva essere il grande ritorno dell'opposizione russa, tantissima la gente in piazza, intorno a 50 mila persone, ma gli slogan "Russia senza Putin" e "Je suis Nemtsov" erano scanditi sommessamente. Ha dominato la disillusione di poter cambiare una storia. Il futuro della Russia infatti a detta di molti non si preannuncia per nulla allegro.Un deputato ucraino del gruppo Petro Poroshenko è stato fermato dalla polizia russa durante la marcia: si tratta di Alexey Goncharenko che rischia grosso, e potrebbe diventare un imputato con l'accusa di coinvolgimento nel massacro di Odessa, il 2 maggio 2014.I contorni dell'omicidio di Nemtsov sono ancora tutti da chiarire, ma resta la sensazione di una promessa mancata.(Immagini AFP)