Mosca (askanews) - La Russia ha perso 32 miliardi di euro a causa delle sanzioni occidentali per la crisi ucraina. Lo ha annunciato il ministro delle Finanze Anton Siluanov nel corso di un forum economico internazionale. "Stiamo perdendo 40 miliardi di dollari all'anno a causa delle sanzioni e stiamo perdendo circa 90- 100 miliardi di dollari l'anno a causa del calo del 30% del prezzo del petrolio", ha detto il ministro.Secondo fonti del Kommersant, per sostenere il prezzo, Mosca potrebbe proporre all'Opec una riduzione coordinata della produzione di petrolio. L'idea della Russia sarebbe di ridurre di 15 milioni di tonnellate la produzione annuale di petrolio (pari al 3% dell' estrazione annuale russa) e di chiedere in cambio all'Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio la riduzione del 5 per cento della loro estrazione.(immagini Afp)