Brescia (TMNews) - Piero Grasso "la pagherà cara": così il capogruppo di Forza Italia a Palazzo Madama, Paolo Romani, parla a Brescia riferendosi alla decisione del presidente del Senato di costituirsi parte civile nel processo che vede Silvio Berlusconi accusato di compravendita di parlamentari. Al convegno "Verso gli stati generali del Centrodestra" di Brescia, il senatore attacca, definendo Grasso "giudice". "Il giudice Grasso - dice Romani nel suo intervento - lo chiamo giudice perché lui ha detto in aula che era un'udienza, si è costituito parte civile contravvenendo al voto 10.8 del consiglio di presidenza: uno sgarro istituzionale spaventoso, la pagherà cara. Deve capire che non può permettersi di fare quello che si è permesso". La decisione del Nuovo Centrodestra di uscire dall'aula insieme a Forza Italia quel giorno, dopo l'annuncio, è piaciuta al partito guidato da Berlusconi: "Quel giorno Nuovo centrodestra come noi è uscito dall'aula perché quando Grasso si è permesso di dire 'ex senatore per fortuna' riferendosi a Berlusconi ci siamo alzati e gli abbiamo detto vergogna vergognati".