Roma, (askanews) - Primo incontro pubblico e stretta di mano tra i candidati sindaco di Roma Roberto Giachetti e Virginia Raggi, rispettivamente del Pd e del movimento Cinque Stelle.All'arrivo all'ex mattatoio dove i blogger romani promuovono l'incontro tra gli aspiranti primi cittadini, i due contendenti si sono scambiati un saluto a favore di camera, raggiunti anche dal candidato di Sinistra Italiana Stefano Fassina, mentre mancano all'appello Alfio Marchini e Giorgia Meloni: "Peccato hanno perso un'occasione per confrontarsi, no è un segno di forza, è un segno di debolezza", commenta Fassina.Tra i temi trattati gli autovelox e la sicurezza stradale a Roma: "Io non penso che dobbiamo immaginare gli autovelox come cassa come bancomat nei confronti dei cittadini per creare introiti nel bilancio comunale - dice Bobo Giachetti - Quindi assolutamente sì, però incardinati in un ragionamento che punta alla sicurezza".Raggi ha aggiunto: "Tuttavia per la sicurezza stradale oltre agli autovelox e sistemi come lo street control, ci sono anche da iniziare ad aumentare le zone 30, quindi zone nelle quali le macchine sono obbligate ad andare più piano e per esempio si possono ipotizzare anche delle zone 5, quindi per esempio davanti alle scuole, agli ingressi delle scuole".Fassina ha sottolineato: "Roma ha questo primato assoluto, penso che nessuna altra città al mondo abbia contemporaneamente il primato di incidentalità e allo stesso tempo il primato di lentezza dei mezzi pubblici. A me pare che oltre agli autovelox sia necessario ridurre drasticamente il numero di auto che circolano a Roma".