Roma, 25 mag. (askanews) - "Siamo da due anni al lavoro per promuovere Roma. I numeri dell'anno scorso dicono che abbiamo iniziato ad invertire la rotta, con +3% di arrivi, +4% di stranieri, +5% di presenze negli hotel 5 stelle. Questo ci ha portato ad un +17,3% di indotto sulla Capitale, passando da 5 miliardi e mezzo a 6 e mezzo, quindi un miliardo di euro in più. Un indotto che ricade sulla Capitale solo grazie alla strategia di attirare il turismo di qualità".

Lo ha affermato, in occasione della cerimonia di consegna della terza edizione degli Italia Travel Awards, il delegato allo sport del Campidoglio, Stefano Meloni.

"Lo stiamo facendo - ha aggiunto Meloni -, continuando ad assistere a tutte le fiere di settore, Londra, Berlino, Dubai da dove siamo da poco tornati. Per continuare a promuovere un turismo di qualità che dovrebbe portare Roma a tornare ad essere elegante, andando oltre il turismo mordi e fuggi che si è visto in questi ultimi anni".

"Noi abbiamo creato una convention bureau che ha la vocazione di portare i congressi a Roma, e posso dire che a meno di un anno dalla nascita abbiamo avuto 100 richieste, ne abbiamo chiuse 29 di cui 10 al di sopra dei 1000 delegati. Quindi questo porterà altro turismo interessante - ha proseguito Meloni -. Però abbiamo anche intrapreso un percorso insieme alla fiera di Roma per vedere la nascita di una vera fiera dell'incoming italiano che non può che essere a Roma, valendo Roma un terzo del turismo italiano".

Per Meloni comunque, "c'è ancora molto dare, abbiamo iniziato ad attrarre capitali per investire nel turismo di qualità. Si pensi solo al fatto che quando siamo arrivati, nel 2016, c'erano 36 alberghi 5 stelle a Roma. Oggi ce ne sono 44 e ce ne sono altri 2 o 3 che stanno per aprire. Su questo c'è da fare come detto, basti pensare che Londra ne ha 75, un numero che dobbiamo superare. Roma non può essere seconda a nessuno".