Roma, (askanews) - Il ministro degli Esteri britannico Philip Hammond è venuto a Roma per incontrare il collega italiano Paolo Gentiloni. Un incontro durante il quale Roma e Londra hanno espresso un "comune sentire" sull'attuale congiuntura europea e hanno discusso di ciò che possono fare per rendere l'Europa più semplice e più vicina ai cittadini, nello spirito della presidenza di turno italiana dell'Ue. "Da un lato un interesse comune per lo sviluppo economico, il rilancio della crescita, degli investimenti del lavoro - ha spiegato il ministro Gentiloni, sottolineando -perchè è ovvio che la salute economica dell'eurozona è molto importante per l'intera Europa, quindi per il Regno Unito in modo particolare. Dall'altro l'impegno comune che caratterizza la presidenza italiana del consiglio dell'Ue a un'Europa più semplice, più concentrata sulle sue priorità, più in grado di rispondere alle aspettative dei cittadini".La Gran Bretagna non è nella zona euro e il governo Cameron pensa addirittura a un referendum sull'Ue. Ma il capo del Foreign Office in conferenza stampa congiunta, ha elogiato la strategia della presidenza italiana dell'Unione:"Sono felice di potermi congratulare tramite il ministro con l'Italia per una presidenza di turno dell'Unione europea di successo - ha affermato da parte sua Hammond, aggiungendo - nella quale l'Italia ha fatto un primo e importante passo nel chiarire gli obiettivi: ha mostrato determinazione per vedere l'Unione europea diventare un'Unione impostata su crescita e lavoro, tematiche che più interessano ai nostri cittadini".Hammond ha annunciato inoltre che il Regno Unito lavorerà assieme all'Italia per attuare misure mirate al successo dell'eurozona e al successo e alla prosperità economica dell'intera Unione.