Roma, (askanews) - Sala gremita alla Camera dei deputati per gli "Stati generali sui cambiamenti climatici", appuntamento organizzato da #italiasicura, la Struttura di missione del Governo contro il dissesto del territorio. Tra i partecipanti, anche il premier Matteo Renzi e la ministra dell'Ecologia francese Segolene Royal.La giornata ha rappresentato la prima tappa italiana verso la conferenza mondiale di Parigi che si terrà a dicembre, quando si dovrà definire un nuovo accordo globale sulle emissioni di C02, in modo da mantenere l'aumento della temperatura del pianeta entro il limite di 2 gradi rispetto ai livelli preindustriali."La conferenza di Parigi è l'ultima chiamata", ha avvertito il ministro dell'Ambiente Gianluca Galletti proprio mentre alcune associazioni ambientaliste srotolavano uno striscione con la scritta "No Oil"."Stiamo attraversando un periodo di transizione - ha proseguito il ministro -. Non decidere equivale a condannare la Terra a quel riscaldamento che denunciamo".Royal non si è sottratta alla sfida e citando l'enciclica di papa Francesco ha promesso l'impegno suo e della Francia per un'intesa: ''Ce la stiamo mettendo tutta per ottenere un accordo vincolante e sostenibile tra i 196 Paesi'' della Terra.