Bologna (askanews) - A Bologna rivive una scheggia di una delle tragedie più drammatiche del '900, il cosiddetto "Secolo breve". Un filmato, inedito e risalente al 1923 che mostra alcuni rifugiati armeni scampati al genocidio del 1915, verrà proiettato in occasione della XXIX edizione del festival "Il cinema ritrovato".Negli ingialliti fotogrammi - circa quattro minuti senza sonoro e senza didascalie, che si aprono con il titolo "Armenia, la culla dell'umanità all'ombra del Monte Ararat" - si vedono dei bambini stipati su alcune imbarcazioni turche, insieme a colonne di rifugiati ammassati sulle strade e a famiglie accampate in decine di carri ferroviari."Nelle immagini si nota un palazzo molto noto di Istanbul in cui dopo la guerra aveva trovato sede un orfanotrofio in cui le forze britanniche aveva radunato gli orfani armeni. E in effetti si tratta degli orfani evacuati da Istanbul", spiega Marianne Lewinscky, commissario artistico del festival.Per commemorare il centenario del primo genocidio del XX secolo, il festival di Bologna ha deciso di rendere omaggio al cinema armeno proiettando alcuni film tra cui "L'onore" del 1925 e "Naapet", del 1980, dedicato a un sopravvissuto ai massacri.(Immagini Afp)