Rio 2016 (askanews) - Rio 2016 segna il debutto del rugby a 7 alle Olimpiadi. Una delle squadre che vive questa prima volta con più emozione è quella della Nuova Zelanda che arriva a Rio con l'onere di non sfigurare di fronte ai leggendari All Blacks, il team a 15, uno dei più forti al mondo.

"Ovviamente c'è più pressione all'Olimpiade soprattutto perché è la prima volta per il rugby a 7. È un'incognita, ma come squadra cercheremo di trattarlo come fosse solo un altro campionato mondiale", ha detto il capitano Scott Curry.

Secondo qualche giocatore i Giochi di Rio segneranno una svolta per il movimento.

"Io penso che cambierà l'orizzonte fra 15 e 7 - dice il giocatore Dj Forbes - ovviamente in Nuova Zelanda ogni bambino cresce sognando di essere un All Black, ma dopo questa Olimpiade ci saranno molti più bambini che cresceranno sognando di essere olimpionici di rugby".

(Immagini Afp)