Roma (askanews) - "Se la minoranza pensa a lanciare undiktat sulla riforma costituzionale sappia che non avrà successoperché il governo e la maggioranza non si feremeranno. MatteoRenzi entra nel vivo della discussione interna al Pd e parlandoalla Direzione nazionale lancia l'avvertimento agli avversariinterni.Il premier e segretario ricorda che "la discussione su chi siedenel Senato è una discussione su cui siamo aperti, come ha dettoMaria Elena, non abbiamo preclusioni", perciò "se qualcuno vuoleuna discussione civile, nel merito noi ci siamo, ma se qualcunovuole usare la Costituzione per effettuare un diktat, per di piùdella minoranza, ha sbagliato destinarario e noi non cifermeremo"."Cerchiamo sempre il consenso ampio - ha ribadito Renzi -figuriamoci se non partiamo dal consenso nel Pd, se però si celaun tentativo di rilancio continuo, a fronte di aperturaragionevole si sappia che i diktat non li mette la maggioranza etantomeno li metterà la minoranza", ha avvertito concludendo che"la composizione del Senato è un puntino secondario di un'ampiariforma costituzionale che è all'interno di un mosaico più ampio"di riforma, "che cambiano la strategia dell'Italia".