Roma, (TMNews) - Tempi stretti per la riforma del titolo V della Costituzione, che diventa prioritaria rispetto alla legge elettorale: il disegno di legge costituzionale sarà approvato dal Consiglio dei ministri entro marzo, annuncia il premier alla Direzione del Pd. "Abbiamo deciso di affrontare la legge elettorale dopo che il Senato avrà affrontato il ddl Costituzionale su riforma del Titolo V e l'abolizione del Cnel. Sarà approvato dal governo lunedì".Dopo sarà la volta del passaggio dell'Italicum al Senato: il testo è stato modificato, ma il punto chiave per il governo è che la legge elettorale si riformi insieme all'opposizione. Altro tema caldo è la riforma del lavoro: sul tema il governo non accetta ultimatum. "L'apprendistato e il contratto a termine sono due punti intoccabili di questo discorso"."Se abbiamo scelto di fare un dl su questo e un ddl delega sul resto è perchè abbiamo capito che c'era un'esigenza di risposte immediate" aggiunge il premier. "Nei Comuni, nelle piazze, nei luoghi, c'è l'aspettativa che finalmente le cose si facciano davvero". Per non tradire questa fiducia l'obiettivo dei prossimi due mesi è lavorare "pancia a terra" per mantenere gli impegni presi.