Roma, (askanews) - Gli studenti della Liberia hanno ripreso progressivamente ad andare a scuola, un rientro che è stato rinviato per almeno cinque mesi a causa dell'epidemia dell'Ebola. La studentessa del college Mary Help of Christians Catholic High School Jamesetta C.Flomo:"Sono talmente felice di essere di nuovo a scuola perché siamo dovuti rimanere a casa sei mesi, senza fare nulla e finalmente siamo tornati. Sono molto riconoscente".E aggiunge: "E' stato davvero terrificante, ogni volta che l'ambulanza passava nel paese, la gente che moriva: i cari, la famiglia, gli amici. E' stato molto brutto".Il direttore del college, il reverendo Solomon Gbaki: "Conosciamo la situazione nel nostro paese e la situazione che riguarda la sanità, abbiamo ricevuto degli aiuti dall'Unicef e dall'istituzione cattolica per la disinfezione e la pulizia della scuola, per i termometri, per misurare la temperatura degli alunni prima che possano entrare nel recinto della scuola".Aiuti necessari anche per lavare le mani, per i secchi e i prodotti clorox. La scuola ha introdotto la regola del "non toccarsi". Durante la ricreazione gli studenti possono mangiare, ma non giocare. Lo stesso vale per le ore passate in classe, mentre il numero degli studenti per aula è stato ridotto.(Immagini Afp)