Roma, 4 apr. (askanews) - "La posizione del Pd è quella dei gruppi parlamentari" che "hanno votato" la legge su cui insiste il referendum abrogativo anti-trivelle; e "la mia posizione è quella di Romano Prodi, anzi un po meno dura visto che lui ha parlato di un 'suicidio'. E sono d'accordo che le royalties vadano sulle fonti alternative". Poi "chi oggi è favorevole a che si possano bloccare le concessioni, fa bene a votare sì. Chi pensa che invece sia uno spreco, può andare a votare no, o come prevede la Costituzione ha tutto il diritto di non andare a votare sperando che si non si raggiunga il quorum. La posizione dell'astensione per il mancato raggiungimento del quorum èsacrosanta e legittima". Lo ha rivendicato il premier e segretario Pd Matteo Renzi, parlando alla Direzione Dem. E ai critici della minoranza interna ricorda: "L'astensione l'avete proposta anche voi al referendum del 2003. E' sbagliato non dirci la verità tra di noi, cerchiamo di essere corretti".