Milano (askanews) - Numeri "pazzeschi", alla faccia dei molti profeti di sventura. Il presidente del Consiglio Matteo Renzi, da Pesaro, è tornato a parlare di Expo 2015 e ha citato gli 11 milioni e mezzo di visitatori a oggi come un risultato di cui andare estremamente fieri. Renzi ha attaccato direttamente Beppe Grillo, che aveva pronosticato il flop dell'Esposizione, e ha sottolineato la sua volontà di metterci la faccia per sostenere l'evento milanese. E così, nelle stesse ore in cui sul sito di Rho-Pero si cercano soluzioni per accorciare le file fuori dai padiglioni nazionali, il premier utilizza le ore di attesa dei visitatori come ulteriore prova, problematica ma oggettiva, del successo di pubblico di Expo. "Non è un successo del governo - ha comunque chiosato Renzi - ma di tutta l'Italia".