Caserta (askanews) - Dalla "Terra dei fuochi" alla "Terra dei fiori" nel giro di 3 anni al massimo, liberando la Campania dalle ecoballe. È la promessa fatta dal primo ministro, Matteo Renzi ai cittadini della regione Campania dopo aver visitato, assieme al governatore Vincenzo De Luca, il sito di stoccaggio delle cosiddette ecoballe a Taverna del re, nei pressi di Villa Literno nel Casertano.

"Manteniamo l'impegno di liberare la zona dalle ecoballe che da anni sono lì - ha ribadito il premier - stiamo liberando il territorio da quelle schifezze".

Quasi 300 campi di calcio; a tanto ammonta la superficie di terreno ricoperta dalle balle di rifiuti che ora stanno per essere definitivamente smaltite con quella che lo stesso De Luca ha definito "la più grande operazione di bonifica d'Italia" ma non solo.

"È insieme - ha aggiunto De Luca - la più grande operazione di contrasto contro i poteri criminali e l'economia della camorra che ha gestito gran parte del traffico dei rifiuti in questi anni".

Subito dopo Renzi ha fatto visita allo allo stabilimento campano della Coca-Cola a Marcianise per l'inaugurazione dell'impianto di cogenerazione dell'azienda.