Roma (askanews) - "Le elezioni amministrative nei Comuni eleggono il primo cittadino non il primo ministro". Lo ha sottolineato il premier Matteo Renzi durante la conferenza stampa di fine anno, rispondendo a proposito del rischio che il governo venga indebolito da eventuali fallimenti del Pd alle elezioni comunali di primavera. "Se sono preoccupato per le amministrative? Questo quesito attiene a un modello in cui la vita delle istituzioni era legata alle elezioni, infatti ilgoverno cambiava ogni 6 mesi"."Io ho rispetto di tutti e paura di nessuno", ha aggiunto "il Pd governa più territori di quanto abbia mai governato, basta guardare una cartina: è impressionante".Quanto alla scelta dei candidati Renzi ha spiegato che "il Pd haquesto particolare, di non avere uno che decide i candidati, nonha meccanismi tipo 'espelli anche tu il candidato' o 'scopri ilcandidato all'ultima cena di Arcore, noi facciamo una cosacomplicata che si chiamano primarie e le abbiamo a Milano il 7febbraio, a Roma il 6 marzo, a Torino e Bologna i candidatiuscenti sono stati già riconfermati dagli organismi del Pd"."Sulle alleanze alle amministrative prendiamo atto che Sel e Si non le vuole più, è una valutazione che compete loro ma il Pd non si preoccupa di caselline o casacchine, abbiamo sostenuto i candidati migliori".