Caserta (askanews) - Il presidente del Consiglio Matteo Renzi, intervenendo nel corso della sua visita alla Reggia di Caserta, si è tolto qualche sassolino dalla scarpa a proposito della recente polemica con il presidente della commissione Ue Jean-Claude Juncker.In un momento nel quale il mondo è attraversato da tensioni, in cui a livello internazionale vediamo scenari di guerra, vi rendete conto se può essere normale fare polemiche assurde sul niente?" ha attaccato Renzi."L'Europa - ha poi aggiunto il presidente del Consiglio - non può essere solo un pacchetto di regole da seguire ma o è un grande ideale o non è. È il tentativo di fare questa parte del mondo un faro di civiltà e bellezza. L'Europa non è semplicemente un'accozzaglia di regolamenti. Noi li rispettiamo tutti e mettiamo il nostro onore per ridurre le procedure di infrazione e andare a testa alta. Ma diciamo con molta franchezza che l'Europa è innanzitutto identità, cultura, idealità."L'Italia deve farsi sentire con la determinazione, la gentilezza e il garbo che le sono propri. Ma deve finalmente far capire che è finito il tempo in cui qualcuno immagina di telecomandarci da fuori".