Roma, (TMNews) - Da Pechino a Roma passando per Astana: il presidente del Consiglio Matteo Renzi ha incontrato nella capitale del Kazakistan il presidente Nursultan Nazarbayev ed ha avuto un colloquio anche con il premier Karim Maximov.La sosta kazaka di Renzi ha suggellato anche la firma di due importanti accordi: uno di Eni con la compagnia petrolifera kazaka e l'altro tra Iveco e il ministero dell'Industria di Astana. Alla firma delle intese sono interventi anche l'ad di Eni Claudio Descalzi e l'ad di Finmeccanica Mauro Moretti."Ben venga l'investimento importante di Claudio De Scalzi del gruppo Eni, molto oneroso ma molto significativo per investire sul domani. L'accordo firmato da Iveco del gruppo Fiat, una realtà storica in Italia e le occasioni di coinvolgimento che già riguardano alcune aziende italiane". Renzi ha sottolineato come il Kazakistan abbia svolto un ruolo fondamentale nella modernizzazione della regione ed ha ringraziato il paese per l'adesione all'Expo 2015 che si collega all'Expo di Astana del 2017."Si collega all'idea di investimento in sostenibilità per l'agroalimentare a cui noi teniamo molto"