Milano (TMNews) - Il rimpasto è un tema che deve valutare il presidente del Consiglio, ma va chiarito che se il governo ha avuto problemi in queste settimane la colpa non è del Pd. Matteo Renzi parla alla direzione e si rivolge direttamente al premier, presente all'incontro: "Se il presidente del consiglio dei ministri ritiene che le cose vadano bene come stanno andando, che vada avanti. Se il presidente del consiglio dei ministri ritiene che ci siano dei cambiamenti, delle modifiche da apporre, affronti il problema nelle sedi politiche e istituzionali, indichi quali, e giochiamo a carte scoperte". "Se ci sono stati dei problemi in questi mesi non li ha mai posti il Pd, noi non abbiamo mai fatto mancare il nostro appoggio. Io ho discusso, anche in modo acceso, con Stefano Fassina, la di là dei toni della discussione rispetto al fatto che la linea che a mio giudizio andava seguita e che Stefano non condivideva è che il Pd non dovesse chiedere e comunque non dovesse farsi protagonista di una richiesta di rimpasto. Il modo con cui il Pd sta aiutando il governo, direi più correttamente il modo in cui il Pd sta aiutando il Paese, è quello di accelerare sulle riforme" ha aggiunto.