Roma, (askanews) - "E' il caso di un ministro di un parlamentare, di un segretario di partito che in base a una valutazione di opportunità politica, non per l'indagine - perché questo ministro non è nemmeno indagato - decide, per i motivi che ha spiegato, di fare un passo indietro. Vorrei dirvelo con il sorriso sulle labbra, questo è un paese che torna a essere un paese normale, dove ci si può dimettere indipendentemente dall'avviso di garanzia e in cui i magistrati sono liberi di fare tutte le indagini del mondo, e anzi, più ne fanno meglio è". Così il presidente del Consiglio Matteo renzi ha commentato le dimissioni annunciate dal ministro dell'Infrastrutture Maurizio Lupi."Noi siamo garantisti davvero - ha aggiunto Renzi - essere garantisti non significa non considerare l'opportunità politica. Murizio Lupi ha deciso di dimettersi, lasciatemi dire lasciatemi dire che io credo che abbia fatto una scelta degna, di sensibilità e per quello che mi riguarda anche una scelta giusta"