Tutti i Paesi europei hanno adottato misure per garantire un reddito minimo. L'Italia con il reddito di cittadinanza sarebbe la più generosa. I dati emergono dal report dell'Osservatorio Conti pubblici italiani dell'Università cattolica del Sacro Cuore di Milano, diretta dall'ex commissario alla spending review Cottarelli.
Solo 8 ore di lavoro a settimana in progetti comunali
Il progetto italiano di reddito di cittadinanza prevede 780 euro mensili non sottoposti a tassazione. E la partecipazione a progetti comunali per 8 ore settimanali. Ed è più generoso per il Sud, dove il costo della vita è inferiore del 16 per cento.
Misura indipendente dalla ricchezza
La misura ipotizzata dal governo giallo-verde ha scarsi collegamenti fra benefici e partecipazione a programmi di politica attiva. Ed è indipendente dalla ricchezza.
Cifre molto più basse in Europa
Molto più basse le cifre europee: 530 euro in Francia, 400 euro in Germania, meno di 400 euro nel Regno Unito. L' Italia è l'unico paese in cui la cifra è identica alla soglia di povertà
Gli obblighi
In 10 paesi è obbligatorio accettare qualsiasi offerta di lavoro, pena la decadenza, in 11 qualsiasi offerta appropriata. In Francia si può rifiutare solo un'offerta
All'estero perde il diritto chi lavora in nero
In alcuni paesi si perde il diritto al sussidio se il cittadino lavora in nero o si licenzia senza giustificazioni. In Italia è causa di decadenza il rifiuto della terza offerta congrua o la recessione dal lavoro per due volte nell'anno solare
Revisione dei benefici
Revisione mensile in Estonia, ogni 3 mesi in Francia, ogni 6 mesi in Germania e Grecia. Annualmente in Belgio e Portogallo. Ed è necessario dimostrare la permanenza dei requisiti

ARTICOLI DI APPROFONDIMENTO
Reddito di cittadinanza M5S troppo generoso e senza eguali in Europa (di Claudio Tucci) »

Reddito di cittadinanza, come funzionano (male) i centri per l'impiego che Di Maio vuole rilanciare (di Francesca Barbieri) »