Torino (askanews) - Per terrorizzare le vittime di rapina si presentavano caricando platealmente il colpo in canna. Così rapinavano gioiellerie, supermercati, farmacie e agenzie di viaggio in Piemonte prima di essere fermati dai carabinieri.I militari del nucleo investigativo di Torino hanno eseguito una serie di provvedimenti nei confronti di 52 affiliati a due gruppi criminali, non collegati tra di loro, responsabili di vari reati, tra cui sequestro di persona a scopo di rapina, traffico internazionale di droga, rapine, ricettazione e furti.Dai sistemi di sorveglianza le immagini con le minacce alle cassiere, pistola con il colpo in canna puntata, sotto gli occhi spaventati dei clienti. I due gruppi sono ritenuti responsabili di 55 rapine a mano armata e 19 furti. Nel corso dell'indagine, sequestrati 70 chili di droga, tra cocaina, marijuana, skunk, ecstasy e hashish. Le indagini, partite alla fine del 2010, avevano già portato all'arresto di altre 59 persone.