Palermo (askanews) - Hanno rapinato armi in pugno un negozio a Misterbianco, vicino Catania. Per questo la Polizia di Stato ha arrestato due persone di 27 e 22 anni. Proprio mentre era in corso il colpo, un dipendente della Squadra Mobile, non in servizio e disarmato, era appena uscito dall'esercizio in compagnia della moglie e dei figli e stava sistemando in auto la spesa. Notata la scena, l'agente ha cercato di fermare uno dei due malviventi, innescando una violenta colluttazione nel corso della quale il poliziotto è riuscito a togliere il passamontagna al rapinatore armato.Nel corso della colluttazione, l'agente è stato colpito alla testa con l'arma e, sebbene ferito e sanguinante, ha tentato di bloccare la fuga del veicolo, aggrappandosi allo sportello lato guidatore, ma è stato scaraventato al suolo. Le indagini hanno consentito di risalire alla targa del mezzo, ritrovato parcheggiato nel rione di "Librino", e al suo utilizzatore, un pregiudicato poi riconosciuto dall'agente ferito. Nel frattempo, grazie ad una serrata attività investigativa, sono stati individuati ed identificati anche gli altri due complici.