Roma, (askanews) - Davanti alla commissione ecomafie, la sindaca di Roma difende Paola Muraro: l'assessora ai rifiuti della Capitale è "indagata" e non ha ricevuto alcun avviso di garanzia.

"Per quanto riguarda le richieste che l'avvocato dell'assessore Muraro ha fatto al pm, io posso dirle che finchè non c'è la conclusione delle indagini gli atti li tiene il pubblico ministero. Le richieste sono state fatte, ma ci è stato risposto a norma di procedura, aspettate o comunque aspetteremo di vedere le carte. Nessuno ha mentito, nel momento in cui siamo stati informati di queste indagini, nello stesso periodo di fatto queste informazioni sono apparse sulla stampa. Noi abbiamo semplicemente detto: siamo a conoscenza dell'esistenza di un fascicolo a carico dell'assessore Muraro; credo che nessuno mi abbia mai fatta la domanda sull'avviso di garanzia, ma risponderei come sto rispondendo adesso a voi, cioè 'a mia conoscenza non c'è alcun avviso di garanzia oggi 5 settembre', per quanto riguarda le indagini, avrei risposto: 'siamo a conoscenza dell'esistenza delle indagini'".