Rho (askanews) - La raccolta differenziata dei rifiuti sul sito di Expo 2015 ha superato, nelle ultime sette settimane, l'obiettivo del 70%, che era stato fissato prima dell'apertura dell'evento. La media dei rifiuti raccolti in modo differenziato dal'inizio dell'esposizione è del 65 per cento. Lo ha annunciato il commissario unico Giuseppe Sala che, in conferenza stampa con Amsa e Conai, ha presentato i dati relativi a questo particolare aspetto dell'Esposizione universale. "Adesso stiamo raggiungendo il 70% di media - ha detto Sala - e possiamo dire che finiremo oltre il 70%. Era quello che ci aspettavamo ed era nei nostri piani, ma poi si tratta di farlo. Si confronta con un 62% di Londra 2012, e quindi alla fine anche i numeri dicono la loro. Ma insomma diciamo che è un modello che ha funzionato, come testimonia anche la presenza dell'assessore Maran. Questa era una situazione speciale, ma qualcosa di buono rimarrà anche sulla città, che a sua volta ha fatto grandi passi avanti sulla differenziata".Sala poi ha parlato anche dei costi relativi alla pulizia e alla manutenzione della pulizia del sito espositivo, che per sua stessa natura ha esigenze particolari, legate al continuomovimento dei visitatori. Tra tassa dei rifiuti e costi di gestione, il commissario ha parlato di una spesa totale pari a poco più di 8 milioni di euro. Per la sole tasse sui rifiuti sono stati spesi 1,5 milioni.