Roma (askanews) - I parlamentari del Movimento cinque stelle devono affrontare una piccola contestazione di militanti al loro arrivo a Montecitorio per la seduta congiunta per eleggere il presidente della Repubblica. Il senatore Nicola Morra respinge le critiche al mittente. "Il sistema ha preso le misure al movimento e ci ha confinato all'angolo - risponde Morra a un contestatore - perchè qualunque cosa noi proponiamo viene accantonata".Ma sul Quirinale "abbiamo il nostro candidato che è Imposimato". "Prodi - conclude - non è il nostro candidato, anche se si ritirasse Imposimato ho capito che Prodi è disposto a fare un passo indietro, a sacrificarsi per la ditta".