Roma, (TMNews) - Attesissimo a Milano dai leader europei che sperano in qualche sviluppo sulla crisi ucraina, Vladimir Putin si è concesso una visita in Serbia, dove è stato accolto con tutti gli onori e il calore che certo in Occidente non trova.L'occasione è il 70esimo anniversario della Liberazione di Belgrado dall'occupazione nazifascista, celebrata con una parata militare che nella capitale serba non veniva organizzata dal 1985. Per far quadrare l'agenda di zar Vladimir è stata addirittura anticipata di qualche giorno: l'anniversario cade infatti il 20 ottobre.E dalla Serbia, alleato di sempre che ora si trova a tentare di conciliare l'amicizia con Mosca con la volontà di entrare nell'Unione europea, Putin ha lanciato un avvertimento all'Europa: le forniture di gas russo per l'inverno sono messe a rischio dalla disputa con l'Ucraina. Se Kiev sottrarrà metano destinato all'Europa. Il messaggio è arrivato prima di lui a Milano, dove la crisi ucraina sarà al centro di colloqui e incontri, confronti certo non facili.