Il commento di Emanuele Sirolli, psicologo-volontario a Pescara del Tronto dopo il sisma