Roma, (askanews) - Dopo 11 anni la Corea del Sud ha ripreso le operazioni di propaganda tramite altoparlanti lungo la frontiera con la Corea del Nord in rappresaglia ad un presunto attacco di Pyongyang.L'annuncio è stato dato dal portavoce del ministero della Difesa dopo che Seoul ha accusato Pyongyang di aver piazzato delle mine anti-uomo che hanno mutilato due suoi soldati alla frontiera.La Corea del Sud ha minacciato Pyongyang di farle pagare un "alto" prezzo.Per anni dei gruppi di altoparlanti disposti lungo il confine con il Nord diffondevano dei messaggi di propaganda ad alto volume sulle gioie della vita nel Sud.(immagini Afp)