Roma, (askanews) - Centinaia di profughi sotto la pioggia in marcia dalla Grecia attraverso la Macedonia, verso nord. Il cammino è incerto, la destinazione anche; molti ma non tutti sono siriani. Come Walid che viene da Damasco:"Sto cercando un posto, in Europa, non importa dove, per far venire la mia famiglia". dice. E ancora: "Siamo andati in mare in un gommone. Molto pericoloso. C'era posto per 40 persone, eravamo 57. Adesso non lo so" conclude. "Andiamo in Serbia. Spero che lì sia meglio che qui".