Milano, 16 gen. (askanews) - "Visto il regolamento istitutivo del comitato di garanzia, il collegio dei garanti, all'unanimità, con motivazioni diverse caso per caso, annulla il voto in 13 seggi".Giallo alle primarie del Pd per la presidenza della Regione Liguria dove il collegio dei garanti, presieduto da Fernanda Contri, ha annullato per irregolarità 3.535 voti dopo diverse segnalazioni, tra cui quella dell'europarlamentare del Pd, SergioCofferati. Di questi 1.352 allo stesso Cofferati, 2.151 a Raffaella Paita e 32 a Massimiliano Tovo, segretario del Centro democratico.Alla fine, in ogni caso, è stata confermata la vittoria della renziana Paita con 26.870 voti, contro i 23.109 di Cofferati e i 662 di Tovo. Intanto, a chi parla di possibili scissioni, all'interno del partito, il segretario regionale del Pd, Giovanni Lunardon, risponde con un richiamo all'unità."Io credo - ha detto Lunardon - che dovremmo discutere a fondo di queste primarie e dei limiti che sono emersi. Credo che nessuno di noi possa permettersi un atteggiamento di sottovalutazione così come credo che da parte di tutti ci debba essere la disponibilità e la volontà ad avviare una fase nuova e costruire la massima unità possibile"."Accetto il risultato del lavoro dei garanti e guardo avanti - ha affermato, dal canto suo Raffaella Paita - ci dedicheremo da subito, senza perdere neanche un secondo di fiato, a impostare la campagna elettorale per le regionali".