New York (askanews) - Elezioni presidenziale Usa, ora si comincia a fare sul serio. Le danze si aprono ufficialmente in Iowa con la stagione delle primarie e dei caucus del partito democratico e di quello repubblicano. Una durissima corsa a tappe di cinque mesi che lascerà sulla strada molti sconfitti eccellenti e che porterà alla scelta dei delegati che parteciperanno alle convention del prossimo luglio, dalle quali usciranno i nomi dei due candidati alla presidenza degli Stati Uniti.Quello dei caucus è un sistema elettorale piuttosto complesso, adottato da alcuni Stati per le primarie. Si tratta dell assemblea chiusa degli attivisti di partit, che scelgono i delegati alle rispettive Convention. Nel caso dell'Iowa, gli attivisti che andranno a votare nelle 1.681 sedi dello Stato eleggeranno i delegati delle contee, che a loro volta eleggeranno quelli dello Stato e dei distretti che infine nomineranno quelli che andranno alla Convention del partito.Secondo gli ultimi sondaggi, tra i repubblicani dovrebbe spuntarla Donald Trump distanziando di oltre cinque punti percentuali il senatore texano Ted Cruz. Più incerta sembra la battaglia in campo democratico, con Hillary Clinton al 46,8%, di poco avanti rispetto a Bernie Sanders, accreditato di un solido e pericoloso 44,3%.La Convention del partito democratico si svolgerà il 25 luglio a Philadelphia, una kermesse a cui parteciperanno 4.051 delegati, mentre quella dei repubblicani si svolgerà dal 18 al 21 luglio a Cleveland nella quale si riuniranno 2.346 delegati.(Immagini Afp)