Roma, (TMNews) - L'ex ministro degli Esteri Abdullah Abdullah e l'economista Ashraf Ghani si contenderanno la poltrona di nuovo presidente dell'Afghanistan al secondo turno delle elezioni presidenziali, il prossimo 14 giugno: nessun candidato è stato capace di ottenere più del 50 per cento delle preferenze, ha annunciato la Commissione elettorale indipendente. Abdullah ha chiuso in testa il primo turno, con il 45% dei voti. Il suo principale avversario, ex economista della Banca Mondiale, si è fermato al 31,6%.Il ballottaggio era originariamente previsto per il 28 maggio, ma un tentativo di sabotaggio del voto da parte dei talebani ha obbligato le autorità locali a un rinvio al 14 giugno. "Alcuni materiali sensibili, stoccati al quartier generale della Commissione elettorale, sono stati distrutti dall'attacco dei talebani il 29 marzo: la nuova fornitura di questi materiali ha richiesto più tempo", ha spiegato il direttore della Commissione elettorale afgana.Lo scrutinio designerà il successore di Hamid Karzai, unico presidente ad avere guidato il Paese dalla caduta dei talebani nel 2001.