Città del Vaticano, (TMNews) - Vanno "respinte con decisione" le "note" accuse nei confronti di Jorge Mario Bergoglio, oggi Papa Francesco, sul ruolo da lui avuto nel corso della dittatura militare Argentina. Lo ha detto il portavoce vaticano, padre Federico Lombardi, criticando l'origine di "sinistra anticlericale" di queste accuse. "Mai vi è stata un'accusa credibile nei suoi confronti, è stato interrogato come persona informata dei fatti ma mai gli è stato imputato nulla, egli ha negato in modo documentato le accuse".