Pretoria (TMNews) - Oscar Pistorius torna in tribunale per un'udienza lampo. Il campione paralimpico sudafricano, accusato dell'omicidio della fidanzata, la modella Reeva Steenkamp, si è presentato a Pretoria per un'udienza lampo: il giudice ha infatti rimandato al 19 agosto l'udienza preliminare all'apertura del processo. Sino ad allora Pistorius, 26 anni, sarà in libertà su cauzione, che era stata fissata in 76mila euro: rischia l'ergastolo.L'udienza arriva il giorno dopo l'intervista rilasciata dal manager dell'atleta al settimanale tedesco Der Spiegel: "Pistorius soffre di gravi problemi psicologici - dice Peet van Zyl - mangia e dorme poco, ci sono dei giorni in cui sta bene e altri in cui si sente malissimo. Quando parli con lui ascolta, ma è come se le parole non lo raggiungessero, non è lì con te. Piange moltissimo". L'atleta ora vive a casa di uno zio a Pretoria dove il manager va a trovarlo: "Va dallo psicologo una o due volte la settimana - rivela - ogni volta che lo incontro dopo una seduta sembra completamente svuotato".Pistorius ha sempre detto di aver sparato da dietro la porta del bagno di casa sua, convinto che dall'altra parte ci fosse un intruso e non la sua ragazza.