Una promozione che fa notizia e segnala un cambio di passo negli orientamenti accademici in Giappone verso una maggiore internazionalizzazione: un non giapponese diventa Vice Rettore del Kyoto Institute of Technology. Giuseppe Pezzotti - professore ordinario di Fisica dei materiali ceramici - e' uno scienziato noto per i suoi studi interdisciplinari a cavallo tra fisica, medicina e ingegneria (dopo ingegneria alla Sapienza di Roma, ha conseguito pluridottorati in scienza dei materiali a Osaka, in medicina e ortopedia a Tokyo e in fisica dello stato solido a Kyoto) che vive da 30 anni in Giappone e da venti opera al Kit. Il 19 aprile avrà un altro riconoscimento, ricevendo il premio per la ricerca scientifica del MEXT (Ministero dell'Educazione, Cultura, Sport e Ricerca & Tecnologia) per la sua invenzione del Nano-scale Stress Microscope, un microscopio elettroni “Come succede spesso, professori stranieri diventano un polo che attrae studenti dalla loro nazione - afferma Pezzotti - Al KIT abbiamo tanti italiani che vanno e vengono: sono benvenuti. C'e' chi fa la tesi di dottorato con noi o esperimenti per la sua tesi, restando per pochi mesi, e chi sta ben più a lungo”. I piani futuri comprendono un impegno nel rafforzamento delle relazioni scientifiche e tecnologiche tra l'Italia ed il Giappone. Il Rettore Furuyama e Pezzotti parteciperanno al G7 delle Università ad Udine a fine giugno.

Vai all’articolo