Pescara (askanews) - Primo furto a due anni, con i complimenti del papà per l'"impresa" appena portata a termine con successo. Così un gruppo di giovani criminali pescaresi formava le nuove leve, addestrando minori a compiere furti, rapine, borseggi, truffe on-line e atti vandalici ai danni di diversi negozi e abitazioni della zona.I componenti di quella che gli inquirenti hanno definito "una vera e propria gang" sono stati arrestati dalla Squadra Mobile della Questura di Pescara al termine di una complessa indagine, condotta anche grazie a intercettazioni telefoniche e ambientali.I criminali agivano di solito sotto l'effetto di stupefacenti per darsi coraggio e, come abbiamo visto, filmavano con i cellulari le loro gesta.Il lavoro degli inquirenti ha permesso anche di risalire ai canali a cui i malviventi si rivolgevano per ricettare la refurtiva e per rifornirsi di droga.Complessivamente è stata fatta luce su 11 episodi di reati contro il patrimonio, mentre in totale sono stati indagati undici soggetti (tra cui un minore), dei quali uno è finito in carcere, mentre altri due sono stati posti all obbligo di dimora.