Roma, (askanews) - Continua incessante l'omaggio a san Padre Pio, le cui reliquie sono giunte a Roma il 3 febbraio. Una fila infinita di fedeli per pregare sulla tomba del frate cappuccino. In coda anche per ore pur di vedere per qualche istante il corpo del santo posto in una teca e transennato per non far avvicinare la gente. Ingenti le misure di sicurezza sia all'esterno che all'interno della Basilica di San Lorenzo fuori le Mura. Per accedere occorre passare dal metal detector.Nella serata del 4 febbraio è previsto il trasferimento della salma nella chiesa di San Salvatore in lauro, dove resterà fino al primo pomeriggio del 5 febbraio quando le reliquie di padre Pio saranno trasferite a San Pietro per l'omaggio del Papa e di centinaia di fedeli.La reazione dei pellegrini in coda per l'omaggio a padre Pio: "Sono devota a padre Pio, abito qua vicino, mi sembrava doveroso venire a vederlo". "E' una persona a cui mi rivolgo spesso" "La nostra famiglia è devota a san pio abbiamo sentito di venire qua a vedere la salma". "Penso sia un evento unico e ne valeva assolutamente la pena".