Roma (TMNews) - Giuseppe Civati, esponente della minoranza Pd e già candidato segretario, dissente sui metodi usati dalla maggioranza del partito per la designazione di Matteo Orfini alla presidenza, ma assicura che non c'è "nessuna guerra" né volontà di "divisione".