Roma, (askanews) - Il tema delle unioni civili ha fatto capolino alle celebrazioni per l'anniversario dei Patti Lateranensi, a Palazzo Borromeo, sede dell'ambasciata italiana presso la Santa Sede a Roma.E ha diviso il mondo politico e quello ecclesiale. Se da una parte il cardinale Pietro Parolin, segretario di Stato vaticano, ha ribadito che non ci sia equiparazione tra matrimonio e unioni civili, e che stralciare la stepchild adoption dal ddl Cirinnà è "una ipotesi corretta", il premier Matteo Renzi ha sottolineato che sul tema ci sono opinioni diverse. "Le posizioni sulle unioni civili tra governo italiano e Conferenza episcopale non coincidono o almeno non coincidono su molti aspetti", ha detto il premier, aggiungendo che "è corretto che la Conferenza episcopale italiana abbia la propria linea".Al summit - presenti numerosi ministri, il capo dello Stato, il presidente del Senato Grasso - oltre ai vertici della Cei e della Santa Sede, si è parlato anche di Medio Oriente e delle diverse aree di crisi, di immigrazione e della collaborazione Stato-Chiesa per il Giubileo della Misericordia in corso.