Torino, (TMNews) - "Il Def dimostra che, applicando allalettera, senza modifiche, quanto ha deciso il Parlamento, i conti del Paese sono strutturalmente in equilibrio rispetto agliobiettivi europei" e, quindi, a oggi non c'è necessità di manovre aggiuntive. Lo ha detto il ministro dello Sviluppo economico, Corrado Passera, a margine del convegno biennale della piccola industria di Confindustria."Poi - ha proseguito - la politica può dire 'voglio fare cose diverse, introdurre altri investimenti, apportare dei cambiamenti". E se queste cose comportano ulteriori spese rispetto a quelle definite nel Def, "che è una sintesi di tutte le leggi che il Parlamento ha approvato e oggi in vigore - ha concluso - è chiaro che dovranno essere coperte da altre misure".