Parigi (askanews) - Quella tra Parigi e i misteriosi droni che solcano i cieli della Capitale francese è ormai una guerra aperta.L'ultimo episodio la notte tra il 3 e il 4 marzo 2015; una dozzina di voli sono stati segnalati alla polizia da testimoni che hanno visto questi "ufo del nuovo millennio" sorvolare varie zone della Ville Lumiére, nonostante sia in vigore il divieto di sorvolo.In particolare piccoli velivoli pilotati a distanza, come quelli di queste immagini d'archivio, sono stati avvistati intorno alle 22 lungo la Senna, sopra Place de la Concorde e nei pressi della tomba di Napoleaone a Les Invalides.Finora non è stato fermato nessuno ma la Procura di Parigi ha aperto un'inchiesta per violazione del divieto di sorvolo. Si sospetta che si tratti soprattutto di appassionati di fotografia o riprese aeree che testano i loro apparecchi nei cieli della Capitale francese, allo scopo di riprendere lo scenario unico offerto dalla skyline parigina. Senonché si tratta di un reato che rischia di mettere in serio guaio i responsabili oltre che creare potenziali pericoli alla sicurezza dei cittadini.Finora sono oltre una sessantina i voli sospetti segnalati alla Gendarmerie ma il ministro dell'Interno Bernard Cazeneuve ha promesso che andrà fino in fondo alla questione che viene considerata una cera e propria minaccia alla sicurezza nazionale, soprattutto dopo i recenti attentati del 7 e 8 gennaio 2015 che hanno causato 20 morti, tra cui alcuni poliziotti oltre ai giornalisti del settimanale satirico Charlie Hebdo.(Immagini Afp)