Parigi (askanews) - Ci sarà anche il presidente russo Vladimir Putin all'apertura a Parigi del summit sul clima il prossimo 30 novembre. Lo ha annunciato il ministro degli Esteri franceseLaurent Fabius."Il primo giorno sarà dedicato ai capi di Stato e di governo, ha spiegato Fabius. Abbiamo già ricevuto oltre un centinaio di risposte positive. Saranno presenti il presidente degli Stati Uniti, della Cina, della Russia, il primo ministro dell'India e naturalmente anche il segretario delle Nazioni unite, il presidente francese e molti altri", ha concluso il futuro presidente della conferenza internazionale.Intanto sul tavolo del vertice si affollano rapporti e analisi sempre più allarmanti. Secondo un rapporto della Banca mondiale, senza uno sviluppo più attento e calibrato, entro il 2020 il cambiamento climatico potrebbe far crescere di oltre 100 milioni il numero di persone all'interno della soglia della povertà.Altrettanto inquietante, anche se da un taglio differente, uno studio elaborato dall'istituto di ricerca statunitense Climate Central. Anche con un aumento del global warming limitato a soli 2 gradi centigradi, megalopoli come Shanghai, Mumbai e Hong Kong rischiano di finire sott'acqua.Con questi parametri, secondo i ricercatori statunitensi, il livello dei mari continuerà ad alzarsi sino a sommergere territori nei quali vivono oggi 280 milioni di persone. Ancora peggiore sarebbe la situazione se la temperatura media globale dovesse crescere di 4 gradi centigradi: a essere colpite sarebbero 600 milioni di persone.L'elenco delle città a rischio sommersione è impressionante: Hong Kong, Calcutta, Dacca, Giacarta, Shanghai, Mumbai, Hanoi, Rio de Janeiro, Buenos Aires, New York e Tokyo.(Immagini Afp)