All'Angelus: la comunita' internazionale agisca subito