Città del Vaticano, (askanews) - Svolta all'orizzonte in Vaticano. Papa Francesco ha annunciato che istituirà una commissione di studio sul diaconato femminile nella Chiesa primitiva, ritenendo che le donne diacono siano una possibilità per oggi. L'esperta di storia della chiesa Lucetta Scaraffia spiega come è nata questa apertura durante una udienza alla quale hanno partecipato circa 900 rappresentanti dell'Uisg e delle comunità religiose femminili."E' la prima volta che le suore fanno domande al Papa e le fanno così dirette ed esplicite sul ruolo della donna nella chiesa".Rispondendo ad una di queste, Francesco ha ricordato di aver chiesto tempo addietro ad un eminente studioso di chiarire quale fosse, in realtà, il ruolo e la funzione delle donne ammesse al diaconato nei primi secoli del cristianesimo."Il Papa sa che questa questione ha moltissima resistenza nella chiesa, quindi lui si lancia molto avanti per riequilibrare la resistenza, speriamo venga fuori una linea mediana".Quello del diaconato costituisce il primo grado dell'ordine sacro nella Chiesa cattolica, seguito dal sacerdozio e dall'espiscopato."Io non credo che questo abbia a che vedere con il sacerdozio femminile, questo è un passo importante, perchè è il riconoscimento di quanto le donne già fanno, ci sono molte donne che già svolgono una missione da diacono, ma non è riconosciuto perchè sono donne".Al diacono sono assegnati servizi particolari nella comunità cristiana come la lettura dei testi sacri, il servizio per la carità e l'amministrazione di alcuni sacramenti.(immagini afp)