Roma (TMNews) - "Non si può tollerare che migliaia di persone muoiano ogni giorno di fame, pur essendo disponibili ingenti quantità di cibo, che spesso vengono semplicemente sprecate. Parimenti, non possono lasciare indifferenti i numerosi profughi in cerca di condizioni di vita minimamente degne, che non solo non trovano accoglienza, ma non di rado vanno incontro alla morte in viaggi disumani". E' questo uno dei passaggi del messaggio di Papa Francesco al World Economic Forum, in programma in questi giorni a Davos in Svizzera.Il Pontefice ha quindi osservato come "i successi raggiunti, pur avendo ridotto la povertà per un grande numero di persone, non di rado hanno portato anche ad una diffusa esclusione sociale.Infatti, la maggior parte degli uomini e delle donne del nostro tempo continua a vivere ancora una quotidiana precarietà, con conseguenze spesso drammatiche". E' necessario "creare opportunità di lavoro e a una promozione integrale dei poveri che superi il mero assistenzialismo".