Roma, (askanews) - Cosa fare in caso di terremoto? Come organizzare un piano d'evacuazione ordinato per una catastrofe naturale? Problemi che riguardano anche il mondo animale. E' per questo che in Giappone si fanno simulazioni che possono sembrare buffe a prima vista, ma possono rivelarsi fondamentali in caso di disastri o fughe improvvise, sia per gli stessi animali che per gli uomini che se li trovano davanti, specialmente se potenzialmente pericolosi o di grossa taglia.Allo Zoo Ueno di Tokyo si fanno esercitazioni per imparare a reagire a una fuga improvvisa di animali. Una ragazza con un costume da zebra scappa via impaurita e travolge un addetto del parco, poi il personale riesce a bloccarla e a tramortirla con un anestetico. La situazione è stata risolta brillantemente."La zebra è un animale che si agita facilmente, ma anche io entro nel panico se mi trovo davanti qualcuno mentre scappo - dice la ragazza che ha partecipato alla simulazione - è utile fare queste prove perché si capisce cosa si prova a stare dall'altra parte".L'obiettivo, spiega il direttore dello zoo, è proprio questo: provare e riprovare, e non dimenticare cosa si è fatto nella simulazione, è importante collaborare tutti insieme per essere pronti a questi eventi improvvisi".